Login

Biennale Whitney 2017

Pubblicato da
Leonardo Basile
il 13 marzo 2017
Debutta nella sede di Renzo Piano - Giovani curatori Lew e Locks. Politica e società i temi dominanti

NEW YORK (ANSA) - E' la Biennale delle prime volte quella che va in scena al Whitney Museum di New York dal 17 marzo.

La mostra debutta nella nuova sede firmata Renzo Piano nel cuore del Meatpacking District e i due giovani curatori Christopher Y. Lew, 36 anni, e Mia Locks, 34 anni, per la prima volta sono entrambi non bianchi.

Si va dal piano terra al sesto piano, senza dimenticare le terrazze con vista sull'Hudson River, dove sono state posizionati i cubi di vetro laminato rosso di Larry Bell, veterano della West Coast, e un'opera sonora del giovane Zarouhie Abdalian.

Società, politica ed economia dominano i lavori dei 63 artisti presenti, opere che spaziano dalla pittura alla fotografia, dalla scultura alle installazioni, ma anche attivismo, musica, e video-game design.

"In questo momento, in cui la nostra Nazione è profondamente divisa, il ruolo del Whitney come museo di arte americana è particolarmente significativo - dice il direttore, Adam Weinberg - La Biennale 2017 parla alla diversità degli Stati Unit

Argomenti

  • Pittura
  • Fotografia
  • Fashion & Style
  • Corsi e Concorsi
  • Video, Cinema e Musica
  • Illustrazione
  • Libri d'Arte
  • Tecnica
  • Mostre
  • Design

commenti

Per commentare ed interagire devi registrarti
politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved