Login
pagina 1 di 3

"Vi prego di non andare a vedere."

Mostre e Musei - Aperto da: Eric - 08.01.2014 14:28
post visto 6627 volte
Utente disattivato
#256060 08.01.2014 14:28

Vorrei umilmente pregare i membri di questo portale di non andare a vedere la mostra dei cadaveri di prigionieri cinesi esposti a Bologna. Si tratta di una vergogna indicibile. Questi ragazzi condannati a morte sono stati uccisi e venduti per 2/300 euro dalle autorità di polizia di Dalian. Erano prigionieri nei laogai, i campi di concentramento cinesi.

Utente disattivato
#256061 08.01.2014 14:29
Utente disattivato
#256062 08.01.2014 14:33
#256063 08.01.2014 14:50

Ti parrà strano, ma sottoscrivo in pieno il tuo appello!

#256064 08.01.2014 15:49

chissà se si può fare appello al'rt. 413 cp riguardo la tutela del cadavere...una volta non era permessa l'esposizione, se non per uso scientifico e in appositi luoghi. Se ci fossero un medico legale o un avvocato che ci leggono e  avessero voglia di intervenire... Le FAQ del sito fanno paura,si consiglia l'ingresso anche ai bambini.

 

#256065 08.01.2014 15:59

Effettivamente, leggendo il comunicato della mostra, si parla di esposizione a puro scopo scientifico - didattico. Niente che abbia a che vedere con estetica-arte o cos'altro.

Non si capisce che ci stia a fare in una galleria d'arte...

Forse proprio per tutelarsi in base all'articolo citato da Pucci?

#256066 08.01.2014 16:15

son sicura che un tempo solo nei luoghi deputati allo scopo,sale anatomiche per esempio,era consentito l'esposizione dei corpi.Diverso il caso delle ossa. L'esposizione dei corpi doveva rispettare il senso di pietà e altre cose del genere. .Mi vien voglia di scrivere ai carabinieri di Bologna. 

#256067 08.01.2014 16:18

Quelli non sperano in altro: gli faresti solo pubblicità....

#256068 08.01.2014 18:40

Ciao

"Questi ragazzi condannati a morte sono stati uccisi e venduti per 2/300 euro dalle autorità di polizia di Dalian.": ti dispiacerebbe citare la fonte?

Grazie

#256069 08.01.2014 18:49

L'unico appiglio nel chiudere queste esposizioni è accertare l'illecito nella provenienza dei cadaveri. Come in realtà è stato fatto a Torino e a Bologna. Ma senza riscontro. O perlomeno la situazione è abbastanza oscura. Una voce importante potrebbe essere quella del comitato nazionale di bioetica. Eppure nel 2004 l'analogo comitato  in California,a cui il Von Hagen si era appellato sommerso da numerose critiche,diede parere a favore di questo patologo . Gli scopi addotti dagli organizzatori e curatori di questi show,o meglio di queste cosiddette 'pose artistiche' (insensate), giustifica la curiosità morbosa : scopo divulgativo,educativo,istruttivo... Del fatto che dobbiamo nei confronti di un cadavere un atteggiamento non offensivo(che cioè non lo coinvolga in azioni non necessarie,non ne modifichi la struttura,non gli si infligga violenza...) e del fatto che un corpo ,malgrado senza più vita, implichi in un certo qual modo,l'identità della persona vivente (dunque anche un morto rimane persona)...di tutto questo molti se ne fregano ma molti altri ne discutono anche nei fatti. Come successe in Francia,almeno parzialmente

Tuttavia,se uno da vivo decide di dare il suo cadavere a fini scientifici o chiamiamoli artistici,e lo sottoscrive ,non si può fare nulla. E non si può fare nulla nemmeno quando un cadavere non viene reclamato da nessun suo familiare o altro vicino. 

Se viene accertato che i morti cinesi esposti sono le vittime di uno dei  tanti  (purtroppo) stati che accettano la condanna a morte ...Il punto è proprio chiarire e dimostrare questo.

Avendo studiato medicina: mi chiedo, se la gente è davvero interessata allo scopo scientifico ,istruttivo e bla-bla,perchè non fa una visita all'istituto di anatomopatologia delle università delle proprie città o magari si intrufola in qualche lezione in sala settoria? O anche non consulta qualche libro di tavole scientifiche o che so io? Ah,dimenticavo non danno fondi alla ricerca, non danno soldi per comprare nuovi plastici,e relegano a volte pure volutamente le facoltà ad indirizzo scientifico nella solfa che c'è troppa teoria e poca pratica,così da poter finanziare invece mostre del genere perchè è arte-scientifica istruttiva,e i bambini si divertono!

politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved