Login
pagina 1 di 57

"OLTRAGGIO"

Mostre e Musei - Aperto da: Alex - 21.04.2014 10:09
post visto 77194 volte
#257119 21.04.2014 10:09

LA GAM di Torino secondo me ha compiuto un oltraggio.

Ha accostato il nome di uno dei cialtroni moderni, tale Ettore Spalletti, a quello di un genio, il Caravaggio.

La mostra del suddetto cialtrone, le cui opere sono riproducibili, forse in meglio, da qualunque imbianchino dotato di pennello a rullo, con tutto il rispetto per gli imbianchini, e' associata all'esposizione del famoso "Ragazzo morso dal ramarro" del Caravaggio.

La cosa piu' assurda e' che l'opera del genio si trova alla fine del percorso espositivo del cialtrone, passando dal "nulla" artistico, in ambienti ampi e luminosissimi, al "tutto" artistico, in una sala, buia, con il Caravaggio illuminato, male, da una luce spot .

Chissa' quanti spettattori si renderanno conto dell'oltraggio...

#257120 21.04.2014 14:04

Benvenuto al nuovo utente e grazie per la segnalazione!

#257121 21.04.2014 17:40

Spalletti è un artista totale, sommo, incommensurabile. E' riuscito a trasformare il "nulla" in una forma d'arte assoluta, purissima. Con Spalletti il minimale è diventato "DIVINO". Ha fatto bene il GAM a relegare il Caravaggio in una saletta marginale. Caravaggio è un discreto pittore che, se esposto da solo se la cava, ma, confrontato con un artista del calibro di Spalletti, finisce impietosamente in secondo piano.

Syd
#257131 22.04.2014 22:02

 

Ho `googolato` le opere di tal Spalletti. Sono svenuta immantinente... Definirlo NULLA è il minimo.

#257132 23.04.2014 08:14

http://it.wikipedia.org/wiki/Ettore_Spalletti

Anche Wiki, non sa come definirlo! ahahahah!!!!

Alessandro è la persona giusta per spiegarci e guidarci in questo divino nulla!!!  Lui ha studiato l'arte contemporanea e la capisce.

A me manca l'ossigeno! ai

#257141 23.04.2014 13:24

Mi sa che dovrai trattenere il fiato ancora a lungo!
Come ben saprai non tutti gli artisti sono inscrivibili attraverso etichette, gruppi o tendenze. Questo, per esempio, è capitato a quella generazione a cavallo fra l'arte povera e la transavanguardia. Quindi a artisti come Ettore Spalletti, Remo Salvadori, Marco Bagnoli.

Utente disattivato
#257151 24.04.2014 12:55

Spalletti, teoria del colore e spazio forma colore, per quel poco che ho letto su wikipedia, un astrattista in 3d ? Pechè tonalità sempre così chiare? Usa sempre l'azzurro? Non lo conosco ...Lavora sullo spazio pittorico, e sul colore

#257188 26.04.2014 11:03

Sono riuscito a ritrovare su web un articolo che avevo letto tempo fa nel supplemento culturale del Corriere della Sera, ve lo segnalo:

http://lettura.corriere.it/spalletti-mette-il-mondo-in-un-cono/

Utente disattivato
#257249 29.04.2014 11:59

Non l'ho mai visto dal vivo, come teoria o movimento si potrebbe accostarlo a molti , ma senza l'esperienza dal vivo , per me può definirsi se proprio deve essere definito un astrattista-spazialista

 

#257251 29.04.2014 12:18

Non per contaddirti, Rubens, ma credo che affibbiare etichette serva a poco, se non ai critici e chiunque abbia bisogno di comodi scaffali per trovar scorciatoie nell'ordinare le cose più disparate.
Astrattisti lo erano Kandinskij, Mondrian, Franz Kline o anche Brice Marden, così come Gerhard Richter, Gary Hume o Peter Halley nel contemporaneo. Il lavoro di ognuno di questi nasce da intenzioni completamente diverse, e i risultati possono essere simili come diversissimi.
Non credo che incasellare un artista in un dato movimento-gruppo serva a renderlo più o meno digeribile!

politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved