Login

Imma Visconte

Lisboa il 15 gennaio 2014
Grigio liquido del mattino cola lungo i muri sfatti delle case tutte del Chiado. L'Alfama con il sole del pomeriggio fa suonare le campane dorate della Sè. Rosso morente sulla città che tramonta dal mirador del castello di San Giorgio. Vento forte spira lungo il Tago fino a Belem, dove nel crepuscolo i navigatori del monumento si tingono di azzurro. Riflessi di specchi...
Cantico il 03 settembre 2013
Imago Mundi... sono sopra la terra degli uomini, a contar con gli occhi le pievi gentili versus solem orientum, e i fortilizi asciutti su speroni di roccia calcarea. Rupi che sfiorano appena la superficie della terra, destinate a scivolare verso un centro che risucchi le asperità naturali e le drammatiche memorie storiche. Ed è tutto un fiorir di ginestre e lavanda nella vegetazione aspra mentr...
XXX il 01 maggio 2013
Sospesa in aria, le nuvole montate di consistente morbidezza ricoprono le terre strappate al mare. E dal macro al micro la geometria irregolare dei campi è un disegno preciso e poi una distesa di colore e profumo inatteso, spalanco occhi per ritagliare e narici per ricordare. Pedalo felice e stordita fino al mare, la spiaggia è una foto sbiadita di sinistra poesia, raccolgo conchiglie in tinta...
GLI ORI DI VENEZIA il 25 novembre 2012
Sono dentro un film, scritto e girato dai miei sogni per le mie visioni. Dedalo di percorsi labirintici costruiti dall’inconscio. Una città aggrappata alla terra che si sorregge con la fantasia, e che evapora nella densità della nebbia carica d’acqua e di decadente bellezza. Venezia è l’occidente che incontra l’oriente, ed io ideale figurina bizantina sorretta al più bello dei tuoi s...
...dopo. il 18 settembre 2012
Suono d’organo a Brixen che arriva nel silenzio come un monito al pentimento, nell’aula sacra i cristalli tremano e le vibrazioni musicali si fanno strada nell’animo frantumato. Non sono pronta, non lo sono, respiro d’organo che mi chiede di inginocchiarmi, ma non ho capito dove ho sbagliato, io non ho capito. Sull’altopiano dello Sciliar, gigante addormentato, ho peccato di stregoneria, ho libe...
Prima... il 18 settembre 2012
Quando arriviamo sulla costa c’è luce calda radente, il mare è un lembo di infinito che vorrebbe mangiare la roccia, e si increspa sui margini costieri. Radura incolta e selvaggia inondata dall’oro, la vedo avvicinarsi nella mia visuale la masseria fortificata che da sempre colpisce la mia fantasia, e mi ci incammino da sola a piedi per un sentiero sterrato in un passeggiare lento, attenta al suon...
Il mio pensiero nel tutto il 27 maggio 2012
La leggenda vuole che S. Pietro al monte sia stata fondata dal re longobardo Desiderio per un miracolo fatto al figlio… affascinante, come l’idea di una comunità religiosa rifugiata lontana dalla civiltà su questa altura. Credo che la meraviglia sia legata anche alla fatica del risalire a piedi la valle del Sole su di un percorso che sale e sale, l’ultimo pezzo poi tra i boschi su di una mula...
Il Vittoriale (l'esilio dei sentimenti) il 04 marzo 2012
Quando apro gli occhi al mattino lo rivedo, ancora, e quel “mi dispiace” danza ubriaco nei miei pensieri. Anche kundalini si risveglia alla base della mia schiena e sento male, ma sono pronta, comunque. La prima volta che ho visto le immagini di quella casa avrò avuto 8-9 anni, sulla rivista Franco Maria Ricci che arrivava a casa, e pensai da bambina suggestionabile che fosse un mondo di g...
Mantua (La nebbia fuori e dentro di noi) il 20 novembre 2011
La nebbia che è fuori di noi è una massa compatta da tagliare a strati con le dita. Invoca spettri nelle sagome delle cose lungo il tragitto, verso una meta che è metafora dell’irrisolto.Ma si dirada in banchi e si fa più leggera, lasciando emergere dalle acque il profilo mantovano, miraggio nella bassa autunnale e congelata. Contorno da tracciare a matita su di un foglio color carta da zu...
romanicum il 01 settembre 2011
I sogni si infrangono su di una cittadina aggrappata elegantemente al suo colle, isolata dal resto del mondo dalla campagna arcaica. Il sole fortissimo del primo pomeriggio, la rende vuota e piena di vita nello stesso bruciante istante. Il mio ricercare insegue spettri d’altri tempi, creando un morboso desiderio di cose apparentemente inanimate.Come anime sospinte a mezz’aria, a ricercare qui...
politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved