Login

Rocco Manniello

Artista - iscritto il 4 mag 2011

Luogo: IT

Email - rmanniello@tiscali.it

Bio

-LE IRREALTA' VISIBILI-

“L’arte vuole sempre irrealtà visibili” (J.L.Borges-La metamorfosi della tartaruga)

Il punto di vista di un bambino mi ha sempre molto interessato quando commenta un mio lavoro.Di solito i bambini,ma anche chi non è abituato alla pittura astratta,tendono sempre a rilevare qualcosa di figurativo. Osservare con gli occhi di un bambino molti dei miei lavori aiuta a far emergere quelle irrealtà visibili di cui scrive J.L.Borges insinuando che in fondo,tutta l’arte è irrimediabilmente surrea-le.Emergono così le visioni di tutti quei Microcosmi che un i-stante dopo possono diventare Macrocosmi,quei “Paesaggi interiori” dove l’unico rumore che si sente sono le domande che ci si pone per arrivare alla Verità del divenire,appaiono dal colore come qualcosa di inafferrabile,di irrazionale che attira l’attenzione più delle cose spiegabili.
----------------------------------------------------------------
C’è un sentimento abbastanza “vaporoso” che si insinua silenziosamente nel mio studio interrato, quella è la partenza di un “viaggio interiore” verso luoghi che appaiono dalla tela e dal modo in cui si mescola il colore, da come muove sotto l’effetto dei pennelli,delle spatole...La tela diventa direttamente la tavo-lozza,ci si lascia andare,ma poi si riemerge, osservando l’evoluzione del pezzo,cercando di farlo crescere, stratificando i colori,unificando elementi dissimili che altrimenti non potrebbero stare assieme, asportando colore in altre zone,cercando “texture”sulla materia. Durante il “viaggio”spesso capita di cambiare improvvisamente direzione a volte in maniera involontaria: un piccolo “incidente”o come quando si prova a sperimentate un nuovo effetto...Tutto questo per dire che non osservo delle regole precise durante l’atto della creazione,quello che seguo è la continua ricerca di un equilibrio.Quindi una regola empirica:Capire in quale forma il colore raggiunge la sua massima espressione,stabilita da una sorta di dialogo interno tra la ma-no e lo spirito,la mente e la mano, vera espressione di uno stato d’animo del momento.

Rocco Manniello.

|------------------|

Diceva OSCAR WILDE:
In arte le buone intenzioni non hanno il minimo valore. Tutta l'arte cattiva è il risultato di buone intenzioni...

Non mi definisco "pittore",ma semplicemente un appassionato dei COLORI,un artigiano delle VISIONI.

Da svariati anni mi occupo di quello che "circonda" l'arte!...La Cornice!...,in tutte le sue forme,dimensioni,stili...grazie alle cornici,realizzandole in maniera del tutto "artigianale",mi sono avvicinato al mondo dell'arte e degli artisti.Una "lente"speciale per studiare ed osservare quest'universo di umanità molto variegate.La mia SCUOLA è stata sopratutto questa.

MAIS L'ART C'EST L'INCONNU!!! (Jules Laforgue):

Un giorno il colpo di fulmine!!,dopo aver visto le grandi tele di MARK ROTHKO.Lascio quello che "circonda"l'arte per addentrarmi nell'opera stessa!,materializzatasi davanti a me in una tela bianca,vuota!!.
Di lì lo sperimentare volta per volta l'uso dei vari colori e materiali,il toglierli,il rimetterli,il mescolarli,diluirli direttamente sulla tela stessa con l'aiuto di attrezzi e oggetti casuali e a volte inventati.Facendo venir fuori così grandi zone monocromatiche contradistinte da un forte dualismo.
Evocando così "sconfinati orizzonti",paesaggi,"spazi di grande intensità emotiva".“L’arte vuol sempre irrealtà visibili”. (Jorge Luis Borges)


Oltre la passione per i colori coltivo da sempre l'amore per i SUONI:la musica in generale e lo studio del Jazz e della tromba in particolare.I due elementi si complementano nel mio percorso...:
COLORI e SUONI alla fine si fondono.

-----------------------------------------
"Vedi, il mondo si divide in due categorie: chi ha la pistola carica, e chi scava. Tu scavi".
Parodiando la grande battuta battuta de Il Buono, il Brutto e il Cattivo, si potrebbe dire che il mondo è diviso tra chi ama Rothko e chi non lo capisce.
Non ci sono vie di mezzo. Chi lo ama, vede i suoi quadri come ricerca del divino che è in noi. Chi lo odia, li considera nulla più che macchie sulla tela.
Rocco Manniello appartiene alla prima categoria: la sua pittura condivide con quella dell’artista lettone il misticismo della luce e del colore.
Entrambi, seguaci di Plotino ritengono che l’oggetto materiale divenga bello soltanto
” in quanto partecipa del pensiero che discende dal divino “
E ciò avviene trascendo forma e materia, rendendolo pura e semplice luce.
Ma se Rotkho insegue un ordine razionale e classico nelle sue tele, con il dialogo proporzionale tra le campiture, nell’illusione che il mondo abbia ancora un minimo di senso razionale, Rocco va al di là di questo.
Il mondo non è conoscibile dalla mente, ma cuore, tramite l’intuizione. Così i suoi quadri, con i colori impalpabili e trascendenti, divengono finestre verso l’Assoluto, paesaggi interiori che riflettono ciò che di meglio siamo, oasi di pace nei nostri abissi.

Alessio Brugnoli.

|--------------------|

-Diplomatosi nel 1985 C/o I.P.S.A di Spinazzola (BA), matura la sua esperienza nel campo delle arti applicate al vetro,ferro,legno,presso vari laboratori artigianali della Brianza e dell’Emilia.

-1993. Apre un proprio studio-laboratorio nel suo paese d’origine (Genzano di Luc.),realizzando vetrate artistiche rilegate a piombo per chiese,cappelle e abitazioni private;pitture su vetro;cornici artigianali.

-1998. Collettiva, "Arte poesia e musica" Palazzo Regina Elena patrocinato dal Comune di Genzano di Luc.Assessorato alla cultura.

-1999. Maratea, Praia a Mare e Potenza, , rassegna espositiva intitolata: “La Macchina del pensiero, manufatti d’intelletto” organizzata dall’Associazione Culturale Arti Visive


-2000. Apertura di un proprio studio-galleria situato nel centro del suo paese (Genzano di Luc.),inaugurando una serie di mostre collettive e personali con artisti del luogo.

-2004. Inizio di nuovo percorso di ricerca artistico sulle tracce dei maestri dell’”action painting” americana.

-2005. Partecipa alla 1° Fiera Mercato di Artigianato Artistico di Basilicata tenutasi a Matera.

-2007. Affascinato dai grandi quadri di ROTHKO esposti al “Palazzo delle Esposizioni” di Roma,cambia modo di approcciarsi alla pittura e agli accostamenti cromatici del colore sulla tela.

-2007. Ha preso parte ad una mostra collettiva a Corato (BA) nel chiostro biblioteca (ex pretura), organizzata dall'Assessorato alla Cultura del comune e dalla Pro Loco Quadratum.

-2007. Mostra "COLLETTIVA PRO AIDOS" a Tramutola (Potenza).

-2008. Collettiva d’arte intitolata “Sogni d’artista, Vite e vino” nel castello di Venosa (PZ) in occasione della manifestazione “Aglianica wine festival”.

-2009. Collettiva di pittura e scultura intitolata “ Paesaggi e forme” a cura del Comune di Tito (PZ) nell’ Auditorium Don Domenico Scavone – Tito.

commenti

Per commentare ed interagire devi registrarti
Daniela Rumini - 29/05/2013 - 20:25:34
grazie mille Rocco.:)
(@EQWork)5242b30c3edb35461944254c(EQWork)
Paolo Facchinetti - 11/05/2013 - 12:52:26
...in ritardo, ma arrivo.
GRAZIE mille
(@EQWork)5242b2fe3edb35461943b3e9(EQWork)
Tonino Vessella - 15/04/2013 - 20:10:17
Complimenti per le opere
Daniela Rumini - 08/04/2013 - 20:54:34
grazie Rocco.:)
(@EQWork)5242b3083edb35461944065d(EQWork)
Tutti i commenti (51)
politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved