Login

Sandro Taliani

Artista - iscritto il 7 set 2005

Luogo: Fiano Romano - IT

Email - mail@sandrotaliani.it

Sito web - http://www.sandrotaliani.it

Bio

Pittore e artista di straordinario talento, può essere considerato il fondatore della moderna scuola paesaggistica tedesca. Aderì alla Bauhaus e successivamente ai movimenti del neoplasticismo e del costruttivismo, nel 1854 prese parte alla Scuola di Staggia, gruppo di pittori che dipingevano en plein air nella bella campagna senese.
Dopo aver compiuto gli studi classici ed essersi laureato nel 1922 in giurisprudenza, decide di dedicarsi alla pittura e l'anno seguente si iscrive alla scuola del nudo. Realizza dipinti, stampe, litografie, incisioni e illustrazioni di libri, che circolano negli Stati Uniti, nella Francia, in Olanda, in Danimarca ed in Germania.
Partecipa alla seconda guerra mondiale come assaltatore suicida fallito; fatto prigioniero dagli alleati nel 1943, viene trasferito nel campo di prigionia di Hereford, in Texas, dove comincia a dipingere. In particolare negli Stati Uniti, viene a contatto con l'informale, e la sua pittura in quel periodo risente soprattutto delle ricerche di Arshile Gorky e dell'Action Painting di Jackson Pollock.
Nel 1949 realizza un affresco per il ristorante del municipio di Amsterdam, che suscita tanto scalpore da essere coperto per dieci anni. Il suo lavoro è fondamentalmente Espressionista nello stile ma le sue forme umane distorte e dai colori esasperati sono sconvolgenti. l'artista comunque svilupperà con qualità, questo stile angoscioso e pessimista, che lo rende protagonista dell'avanguardia internazionale. Utilizza tecniche inconsuete e conduce per molti anni un discorso personale di demistificazione dell'arte accademica, infatti in opposizione alla sistematica ripetitività del formalismo stilistico, dà vita con Asgern Jorn al "Mouvement International pour une Bauhaus Imaginiste" contro la forzata razionalizzazione e geometrizzazione dell'arte. Si colloca, per le misteriose connotazioni erotiche e oniriche che animano i suoi «interni», tra il surrealismo e certo realismo magico di tradizione tedesca. Numerosi sono anche i suoi inquietanti paesaggi, sia urbani sia agresti. Fu soprattutto famoso per scene di vita di bohème.
Nel 1968 il Centre National d'Art Contemporain di Parigi e lo Stedelijk Museum di Amsterdam e nel 1969 la Kunsthalle Basel e il Palais des Beaux-Arts di Bruxelles organizzano sue personali con un successo strepitoso di pubblico e di critica.
l'artista partecipa in seguito alle principali rassegne internazionali affermandosi come uno dei maggiori esponenti dell'informale.
Durante l'anno 1970 espone più volte a Roma e in Europa, allontanandosi gradualmente dal lavoro concettuale verso uno stile più figurativo della pittura.
Il suo lavoro è stato parte di diverse prestigiose mostre collettive in alcuni dei più importanti musei del mondo.
Decide poi, dal 2006 al 2009, di abbandonare momentaneamente la pittura per imbarcarsi su un cargo liberiano battente bandiera panamense che trafficava in giovani cadaveri per rituali massonici di antropofagia con scappellamento a destra.

commenti

Per commentare ed interagire devi registrarti
Sandro Taliani - 19/03/2013 - 15:42:40
è bellissimo Barbara :)
Barbara Puglisi - 16/03/2013 - 17:07:22
(@EQWork)5242b3003edb35461943c508(EQWork)
Grazie 1000 :) :)
R Lenci - 27/02/2013 - 18:01:36
ciao orso yoghi grazie @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@
R Lenci - 03/09/2012 - 15:16:58
finalmente l'autunno
baci piovosi
Tutti i commenti (270)
politica editoriale note legali FAQ chi siamo pubblicizzati servizi

Copyright © 2013 EQUILIBRIARTE All Rights Reserved